Bill Evans – Sottovoce

Tiziana Campodoni - Blue moon

 bill-evans-sagoma-bn-piegato-sul-piano1

Bill Evans, “Re: Person I knew” (Live, Parigi 6.2.1972) 

C’è un affascinante tranello in questa musica anticipato dall’enigma del titolo che è l’anagramma del nome di un amico di Bill Evans, Orrin Keepnews.  Il titolo occulta il nome di una persona e il nome del titolo “diventa”, “torna ad essere” ” person”, una persona… “che conosceva”,  che sapeva… Già nel titolo esiste ed è custodita la mappa del brano: parte da un contesto/struttura, Orrin Keepnews,  per poi decontestualizzare/destrutturare, l’anagramma,  e infine ricontestualizzare/ristrutturare, titolo.

Una strutturazione semantica e musicale a più piani di lettura, con più chiavi d’accesso e più sfumature emozionali “criptate” dentro ad una complessità profonda e una “difficoltà” quasi estrema.

Struttura certamente fluttuante, ma anche circolare, o meglio, fluttua nel senso che ” porta in giro” chi ascolta facendogli  perdere i riferimenti e facendolo in qualche modo “sentire perso” – come probabilmente si  sentiva Evans –  lo decontestualizza, ma tenendolo saldamente nello stesso luogo emotivo.  Luogo vago…

View original post 1.674 altre parole