Segreti di rondini – René Char su Paul Klee

L’architetto della luce sa che è di vetro la sua provincia blu. 

 

Fish image. Paul Klee, 1925
 
Ai piedi di una montagna di cui spesso si canta stava una fabbrica di zolfo. Gli alberi intorno si erano diradati. La terra immobile diveniva deserto. La vita che talvolta indugiava, per assurdo la giudicava utile e la incoraggiava.  
Legend of the Nile. Paul Klee, 1937
  
I segni che attraversano gli usci incontrano solo mani d’amanti, segni appena differenti. 

 

Heroic Fiddling. Paul Klee, 1938
  
Se il cuore generasse tutto il proprio fervore, il sole si spezzerebbe per sempre. Nessuna conclusione che mostri, senza aver avuto luogo, è esagerata. 
Groynes. Paul Klee, 1925
   
Il convalescente si stacca dalla morale che suppura, la luna sfronda tre giardini. 

 

Tropical twilight. Paul Klee, 1921
 
   
Il miele della notte si consuma lentamente. Il passato si avvicina in giochi dove scintilla la sua indolenza. Le strenne senza parole del fantasma saranno dorate. 
 

Stiil life with Thistle Bloom. Paul Klee, 1919
 
Taci e firmi proprio in fondo alla pagina, dove Paul Klee, decidendo che non esisti, scopre la tua direzione. 

  

In the current six thresholds. Paul Klee, 1929

 

René Char, 1946

* in copertina
Heroic Fiddling
Paul Klee, 1938