Paolo Coceancig e Pasolini

Cristinizza prosciugata (a P.P.P.)

Tristezza dappertutto, di un pezzo di strada \ mi ricordo ch’era buia, \ gli scivolavo sopra come una lingua \ che cerca un’altra, \ buonanotte pali della luce, \ sono un pezzo di carne\ che piange solo quando il tempo muore, \ sono un volo di vita già passata \ e vado con gli occhi, con gli occhi vado \ verso una nuova pioggia di terra. \ Cristinizza prosciugata che ai ragazzi di oggi \ non regali più sogni, Cristinizza nuda, \ nessun pezzo di legno oggi ti scorre sopra, \ lo so,\ ma lo stesso quando scurisce/ di tanto in tanto,/ questo tuo vecchio navigatore \ viene a trovarti \ e così diventiamo come due amanti di boccabuona \ che quando si incontrano non sono più da soli.
 
Paolo Coceancig