A nome di tutte le vittime – Anna Achmatova

 

 

To the Muse

When, in the night, I wait for her, impatient,
Life seems to me, as hanging by a thread.
What just means liberty, or youth, or approbation,
When compared with the gentle piper’s tread?

And she came in, threw out the mantle’s edges,
Declined to me with a sincere heed.
I say to her, “Did you dictate the Pages
Of Hell to Dante?” She answers, “Yes, I did.”

 

Anna Achmatova

 

 

Requiem
1935-1940

No, non sotto un estraneo cielo,
Non al riparo d’ali estranee:
Ero allora col mio popolo,
La’ dove il mio popolo, per sventura, era.

1961

*

In luogo di prefazione

Nei terribili anni della “ezovscina” ho trascorso diciassette mesi a fare la coda presso le carceri di Leningrado.
Una volta un tale mi “riconobbe”. Allora una donna dalle labbra bluastre che stava dietro di me, e che, certamente, non aveva mai udito il mio nome, si ridesto’ dal torpore proprio a noi tutti e mi domando’ all’orecchio (li’ tutti parlavano sussurrando): – Ma lei puo’ descrivere questo? E io dissi: – Posso. Allora una specie di sorriso scivolo’ per quello che una volta era stato il suo volto.

I aprile 1957. Leningrado

*

Dedica

Davanti a questa pena s’incurvano i monti,
Non scorre il grande fiume,
Ma tenaci sono i chiavistelli del carcere,
E dietro ad essi le “tane dell’ergastolo”
E una mortale angoscia.
Per chi spiri il vento fresco,
Per chi sia delizia il tramonto,
Noi non sappiamo, siamo ovunque le stesse,
Sentiamo solo l’odioso strider delle chiavi
E i passi pesanti dei soldati.
Ci si alzava come a una messa mattutina,
Si andava per la capitale abbandonata,
La’ ci s’incontrava, piu’ inanimate dei morti,
Il sole piu’ in basso e piu’ nebbiosa la Neva,
Ma la speranza canta sempre di lontano.
La condanna… E subito sgorgano le lagrime,
Ormai divisa da tutti,
Come se con dolore la vita dal cuore le strappassero.
Come se con rozzezza la rovesciassero indietro,
Ma cammina… Barcolla… Sola…
Dove sono ora le amiche occasionali
Di questi due miei anni maledetti?
Che appare loro nella bufera siberiana,
Che balugina nel disco lunare?
A loro invio il mio saluto d’addio.

Marzo 1940

*

Introduzione

Cio’ accadde allorche’ a sorridere
Era solo chi e’ morto – lieto della pace.
E, appendice inutile, si sbatteva
Leningrado intorno alle sue carceri.
E allorche’, impazzite di tormento,
Condannate ormai andavano le schiere
E breve canzone di distacco
I fischi cantavano delle locomotive.
Stelle di morte incombevano su noi
E innocente la Russia si torceva
Sotto sanguinosi stivali
E copertoni di neri cellulari.

*

1.

Ti hanno portato via all’alba,
Io ti venivo dietro, come a un funerale,
Nella stanza buia i bambini piangevano,
Sull’altarino il cero sgocciolava.
Sulle tue labbra il freddo dell’icona.
Il sudore mortale sulla fronte… Non si scorda!
Come le mogli degli strelizzi, ululero’
Sotto le torri del Cremlino.

1935. Mosca (Kutaf’ja)

*

2.

Placido scorre il placido Don,
Gialla luna entra nella casa.

Entra col cappello sulle ventitre’,
Vede l’ombra la gialla luna.

Questa donna e’ malata,
Questa donna e’ sola,

Il marito nella tomba, il figlio in prigione.
Pregate per me.

*

3.

No, non sono io, e’ qualcun altro che soffre.
Io non potrei esser cosi’, ma quel che e’ successo
Neri drappi lo ricoprano,
E portino via le lanterne…
Notte.

*

4.

Se mostrato t’avessero, burlona
E prediletta fra tutti gli amici,
Di Carskoe Selo’ allegra peccatrice,
Quel che sarebbe della tua vita:
Startene, col pacco,
Trecentesima sotto le Croci
E con le tue lagrime cocenti
Sciogliere dell’anno nuovo il ghiaccio.
La’ si dondola il pioppo del carcere,
E non un suono – ma quante
Incolpevoli vite vi hanno fine…

*

5.

Diciassette mesi che grido,
Ti chiamo a casa.
Mi gettavo ai piedi del boia,
Figlio mio e mio terrore.
Tutto s’e’ confuso per sempre,
E non riesco a capire
Ora chi sia belva e chi uomo,
E se a lungo attendero’ l’esecuzione.
E solo fiori polverosi, e il tintinnio
Del turibolo, e le tracce
Chissa’ dove nel nulla.
E diritto negli occhi mi fissa
E una prossima morte minaccia
L’enorme stella.

*

6.

Lievi volano le settimane,
Quel che e’ stato non capisco.
Come ti guardavano, figlio,
Le notti bianche, in carcere,
Com’esse di nuovo guardano
Con occhio ardente di sparviero,
E della tua alta croce
E della morte parlano.

1939

*

7.

La sentenza

Ed e’ caduta la parola di pietra
Sul mio petto ancor vivo.
Non e’ nulla, vi ero preparata,
Ne verro’ a capo in qualche modo.

Ho molto da fare, oggi:
Bisogna uccidere fino in fondo la memoria,
Bisogna che l’anima si pietrifichi,
Bisogna di nuovo imparare a vivere,

Se no… L’ardente stormire dell’estate,
Come una festa oltre la finestra.
Da tempo avevo presentito questo
Giorno radioso e la casa vuota.

1939. Estate

*

8.

Alla morte

Tu lo stesso verrai – perche’ non subito allora?
T’aspetto – ho molta pena.
Ho spento la luce e aperto l’uscio
A te, cosi’ semplice e prodigiosa.
Prendi per questo l’aspetto che vuoi,
Penetra come un proiettile avvelenato
O furtiva avvicinati come un esperto bandito,
O avvelenami col delirio del tifo.
O con una storiella da te inventata
E a tutti nota fino alla nausea,
Ch’io veda l’azzurra sommita’ del berretto
E il capofabbricato pallido di paura.
Ora tutto e’ uguale per me. Turbina lo Enisej,
Brilla la stella polare.
E l’estremo terrore offusca
Il bagliore turchino degli occhi adorati.

19 agosto 1939. Casa delle Fontane

*

9.

La follia ormai con la sua ala
Ha coperto una meta’ dell’anima.
E un vino di fuoco mesce
E in una nera valle invita.

E ho compreso che ad essa
Devo cedere la vittoria,
Prestando ascolto al mio delirio
Come se ormai fosse di un altro.

E nulla essa mi consente
Di portare via con me
(Per quanto la si implori
E la si annoi con le preghiere):

Ne’ gli occhi spaventosi di mio figlio –
Pietrificata sofferenza -,
Ne’ il giorno in cui venne la bufera,
Ne’ l’ora della visita in prigione,

Ne’ il caro refrigerio delle mani,
Ne’ le ombre agitate dei tigli,
Ne’ un lieve suono di lontano –
Le parole dei conforti estremi.

4 maggio 1940. Casa delle Fontane

*

10.

La crocifissione

Non singhiozzare per Me, Madre, che giaccio nella bara.

I.

Il coro degli angeli glorifico’ l’ora solenne
E i cieli si sciolsero nel fuoco.
Al Padre disse: “Perche’ Mi hai abbandonato?”
E alla Madre: “Oh, non singhiozzare per Me…”

II.

Maddalena si disperava e singhiozzava,
Il discepolo prediletto era impietrito,
E la’ dove in silenzio stava la Madre
Nessuno osava neppure volgere lo sguardo.

1940-1943

*

Epilogo

I.

Ho appreso come s’infossino i volti,
Come di sotto alle palpebre s’affacci la paura,
Come dure pagine di scrittura cuneiforme
Il dolore tracci sulle guance,
Come i riccioli da cinerei e neri
D’un tratto si facciano d’argento,
Il sorriso appassisca sulle labbra rassegnate,
E in un ghigno arido tremi lo spavento.
E non per me sola prego,
Ma per tutti coloro che erano con me, laggiu’,
Nel freddo spietato, nell’afa di luglio,
Sotto la rossa muraglia abbacinata.

II.

S’e’ di nuovo avvicinata l’ora del suffragio.
Vi vedo, vi ascolto, vi sento:

E colei che fu a stento condotta allo spioncino,
E colei che non calpesta il suolo natale,

E colei che, scrollando la bella testa,
Disse: “Qui vengo, come a casa”.

Avrei voluto chiamare tutte per nome,
Ma hanno portato via l’elenco, e non so come fare.

Per loro ho intessuto un’ampia coltre
Di povere parole, che ho inteso da loro.

Di loro mi rammento sempre e in ogni dove,
Di loro neppure in una nuova disgrazia mi scordero’,

E se mi chiuderanno la bocca tormentata
Con cui grida un popolo di cento milioni,

Che esse mi commemorino allo stesso modo
Alla vigilia del mio giorno di suffragio.

E se un giorno in questo paese
Pensassero di erigermi un monumento,

Acconsento ad esser celebrata,
Ma solo a condizione di non porlo

Ne’ accanto al mare dov’io nacqui:
Col mare l’ultimo legame e’ reciso,

Ne’ del giardino dello zar presso il desiato ceppo,
Dove l’ombra sconsolata mi cerca,

Ma qui, dove stetti per trecento ore
E dove non mi aprirono il chiavistello.

Perche’ anche nella beata morte temo
Di dimenticare lo strepito delle nere “marusi”,

Di dimenticare come sbatteva l’odiosa porta
E una vecchia ululava da bestia ferita.

E che dalle immobili palpebre di bronzo
Come lagrime fluisca la neve disciolta.

E il colombo del carcere che tubi di lontano,
E placide per la Neva vadano le navi.

1940. Marzo
 

Requiem,
da Poema senza eroe e altre poesie –
Anna Achmatova

 
 
~~~~~~~

 

~~~~~~~
ph. Bielorussia, alcune testimonianze della Rivoluzione delle Ciabatte, nel 197esimo giorno di rivolta alla dittatura del presidente Aljaksandr Lukašėnka.