Love Song – Nick Cave

anita-lane-and-nick-cave
ad Anita Lane
https://youtu.be/bX5rGCFLKpY

Il braccio del capitano come una corda attorcigliata
Con A-N-I-T-A che cerca di divincolarsi tra teschio e pugnale
E un ritratto di Cristo, inchiodato a un’ancora
Inciso sulla parte superiore
O Febbre in Cabina!
O, O O Febbre in Cabina!
Sbatte quel cazzo di piatto di stagno giù
Il nostro capitano si prende tutto il tempo che vuole per schiacciare
Qualche moscone che luccica in mezzo alla broda
Col boccone ancora in gola e poltiglia grumosa
Sgualcendo un album di ritagli infastidito da un tafano
E una morbosa protuberanza d’amore sulla propria bandiera
Finito coi baci, non rimane altro da fare
Che navigare per sempre sulla vergogna
Febbre in Cabina! O, O O Febbre in Cabina!
La mano libera del capitano è una mannaia
Con cui si cura la barba e tiene a bada gli spasmi
E intaglia il proprio arto di legno nel mogano più pregiato
O era ebano? Esatto, era ebano!
Misura la propria solitudine una tacca dopo l’altra
Dal momento che il mare non offre nulla da stringere e toccare
Una tacca dopo l’altra, un inverno dopo l’altro
Una tacca dopo l’altra, un inverno dopo l’altro
Ora la sua gamba è una scheggia a furia di essere intagliata
O, O Febbre in Cabina! Febbre in Cabina!
O mare mosso che ancora si muove!
Lei è ovunque! Ora che se n’è andata! Andata! Andata!
O Febbre in Cabina! O Febbre in Cabina!
Benvenuto a tavola, suo amato inconscio
Sollevandole i capelli dalle rotondità
E lottando per evocare uno solo dei suoi sguardi!
Il suo braccio ora, come ser-r-rpenti raggomitolati
Spazza via tutte le bottiglie che ha bevuto
Come birilli di cristallo dentro la cabina
Di una nave che hanno fatto navigare cinque anni sommersa.

 

viviane
a Viviane Carnerio
https://youtu.be/-r1Q-tQp-PE

Una volta arrivò una tempesta con le sembianze di una ragazza
spazzò via in pezzi il mio piccolo mondo confortevole
E a volte, lo giuro, posso ancora sentire il suo ululato
Giù attraverso i relitti e le rovine
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata
Ora la tempesta è passata sopra la mia testa
Io sono alla deriva in un mare a calma piatta
A guardar lei per l’eternità attraverso le crepe sulle travi
Inchiodate alla soglia delle camere da letto dei miei sogni
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata
Ora non ho nessuno da stringere
Ora sono ancora una volta da solo
Non è né troppo caldo né troppo freddo
E non ci sono tracce della pioggia
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata, sì
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata, sì
Ed io
sono con me stesso<
Non tornerà mai più
Non tornerà mai più
Non tornerà mai più
Dite quello che volete, non m’importa
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata
E non pioverà mai più
Ora la mia bambina se n’è andata

 

alla moglie Susie Bick
https://youtu.be/c8_WpdOMEKA

Ho sposato mia moglie il giorno dell’eclisse
I nostri amici hanno premiato il suo coraggio con dei regali
Ora che la notte si fa più lunga e la stagione cambia
Io guardo mia moglie addolorata
Che sta silenziosamente curando i suoi fiori
Che sta silenziosamente curando i suoi…
L’acqua è alta sul fiume che invita
Le ho fatto una promessa che non ho potuto mantenere
E il grido degli uccelli manda un terribile brivido
Attraverso me e mia moglie addolorata
Che sta spostando i mobili per casa
Che sta spostando i mobili per casa
Ora siamo seduti sotto il tasso nodoso
E le campanule dondolano attorno alle nostre scarpe
Il compito di ricordare gli indizi rivelatori
Spetta alla mia amorevole, addolorata moglie
Che sta contando i giorni sulle sue dita
Che sta contando i giorni sulle…
Vieni e aiutami, piccola
Vieni ora
Aiutami, piccola
Ero cieco
Qui l’erba cresce lunga ed alta
Si intreccia su verso il cielo
Nuvole bianche corrono via
Vieni ora e aiutami, piccola
Ero cieco
Ero uno sciocco, piccola
Ero cieco
Vieni ora
Un vento sfrenato l’altra notte
Ha abbattuto alberi neri, piegati fino a terra
I loro fiori hanno fatto un tale rumore
Che non riuscivo a sentire neanche il mio stesso pensiero, piccola
Vieni ora
E aiutami, piccola
Aiutami ora
Ero cieco
Ero uno sciocco

 

nick cave e pj harwey
a Pj Harvey
https://youtu.be/2A3LxRyDR-c

Ha il sorriso truffaldino ed il viso a forma di cuore
Viene dal West Country dove gli uccelli cantano piano
Ha un cuore grande come una casa in cui tutti noi abitiamo
Discutiamo, ci riuniamo e perdoniamo
Il suo copricapo da vedova, le sue labbra ho baciato
Il suo guanto di ossa al polso
Che ho tenuto in mano
La sua cantaride e la sua ghiandola di scimmia
Il suo corpo divino e le sue quattordici stazioni
Che ho abbracciato, le sue palpitazioni
Il suo bimbo non nato che grida “mamma”
Tra le macerie del suo corpo
I suoi begli occhi chiusi ho sorseggiato
Le sue unghie, tutte rosa e smozzicate
Il suo accento che, a quanto dicono, è “aperto”
Che ho sentito ed è stato riversato
Nel mio cuore umano e mi ha colmato
Di amore, fino all’orlo, e mi ha ucciso
E ricostruito di nuovo
Con qualcosa a cui anelare
Chi potrebbe chiedere di più?
Una ragazza del West Country con un grande gatto grasso
Che guarda nel verde dei suoi occhi
E miagola “Lui ti ama” e poi miagola ancora

 

” Questa era una canzone intitolata Ragazza del West Country. Una canzone d’amore.
La cominciai, nella sua innocenza, come una poesia, scritta all’incirca due anni fa in Australia, lì dove splende il sole. La scrissi col cuore in gola, facendo una lista dei particolari che mi attiravano verso una determinata persona… la Ragazza del West Country. Questa canzone metteva in evidenza i miei personali criteri di bellezza, la mia particolare verità (con tutta la sua probabile schematicità, crudeltà e povertà) riguardo la bellezza. Era una lista di cose che amavo, e, in realtà, un pietoso esercizio di adulazione, pensato per avere quella ragazza. Funzionò e non funzionò. Ma la peculiare magia della Canzone d’Amore (se ha un cuore per fare ciò) e che resiste laddove l’oggetto della canzone non lo fa. Si attacca a te e insieme vi muovete attraverso il tempo. Ma fa più di questo, perché per quanto si faccia fatica ad andare avanti, a lasciarci alle spalle il passato, a cambiare e crescere, in breve, a perdonare noi stessi e l’altra persona, la Canzone d’Amore copre di una strana aura d’intelligenza tutta se stessa per reinventare il passato e abbandonarlo ai piedi del presente.
La Ragazza del West Country è nata nell’innocenza e sotto i raggi del sole, come una semplice poesia a proposito di una ragazza. Ma ha fatto quello che tutte le Canzoni d’Amore devono fare per poter sopravvivere, ha chiesto il diritto di avere una propria identità, una propria vita, una propria verità. L’ho vista crescere e cambiare col passare del tempo. Ora si presenta come una fiaba ricca di ammonimenti, come una lista di ingredienti per una pozione da strega, la si può leggere come il rapporto di un medico legale, o come il messaggio di un logoro cartello pubblicitario in cui un uomo dallo sguardo selvaggio dichiara “La fine del mondo è alle porte”. E’ una voce flebile nel buio che gracchia “State attenti… state attenti… state attenti”.

In ogni modo, mi presento. Mi chiamo Nick Cave, e ho alcune cose da dirvi.”