Sul cammino della vita, ..  – Henri Michaux

Sul cammino della vita, Paul Celan ha trovato grandi ostacoli, molto grandi, parecchi quasi insormontabili, un ultimo veramente insormontabile. In questo faticoso periodo ci siamo incontrati .. senza incontrarci. Si è parlato per non dover parlare. Era troppo grave in lui, ciò che era grave. Non avrebbe permesso che ci si penetrasse. Per fermare, aveva un sorriso, spesso, un sorridere che era passato attraverso molti naufragi. Facciamo finta di avere innanzitutto problemi che toccano il verbo. 

In un letto di neve nel suo “schneebrett” desolato, sconfortante, mirabilmente duro, il poeta ineguale riposa e sempre farà riposare in una strana, particolare maniera coloro che in ogni riposo serbano malessere. 

La cura, venuta dalla scrittura, non bastava, non è bastato. Balzi inutili. Sempre nella sala delle grida, stretto negli strumenti di tortura. Un cielo di inchiostro sempre più grande. Ogni giorno finisce per colpire. 

Se n’è andato. Scegliere, poteva ancora scegliere. La fine non sarebbe così lunga. Sul filo dell’acqua, il cadavere adagiato.

 

Cy Twombly – Pan II

 

* in copertina
Cy Twombly – Fifty Days at lliam. The fire that consumes all before it