Il Jazz e Bob Ciano

Bob Ciano, direttore artistico di importanti etichette discografiche come la CTI, la Kudu e la Salvation di Creed Tayler; creatore delle migliori copertine dedicate ad un incredibile serie di leggende del jazz.

Una giornata alla CTI

” I musicisti erano dappertutto. La gente veniva volentieri nel dipartimento artistico perché era uno spazio ampio e accogliente. Ci riunivamo a parlare dei futuri album e magari anche dei loro titoli. Allora ero solito lavorare con un piccolo gruppo di fotorafi e illustratori, e cercavo di trovare le immagini che potevano funzionare come copertine. Era raro che ascoltassi la musica in anticipo quando stavamo cercando immagini che fossero accattivanti. Era una piccola società e avevamo un budget promozionale molto ridotto.
Creed e io, insieme a poche persone del dipartimento promozionale, ci sedevamo intorno a un tavolo solo per parlare dei dischi che avremmo inciso in quel mese. Io iniziavo a pensare alle immagini che avrei potuto utilizzare, sia scattandole io stesso sia avvalendomi di fotografi con cui lavoravo ugualmente, per vedere se avevamo immagini che avrei potuto usare. Quindi componevo due o tre versioni di ogni copertina.. le mostravo a Creed e lui decideva, di solito una o due dal gruppo. A quel punto le montavo per lo stampatore. L’unica seccatura era che dovevamo attendere i titoli dei vari pezzi, che spesso venivano stabiliti all’ultimo momento.”

george benson

Hubert Laws Afro-Classic
Hubert Laws “Afro-Classic”

“Le copertine erano utilizzate per promuovere i dischi in grande. Di solito stampavamo un numero extra di copie solo della copertina e le mandavano ai negozi in modo che le mettessero in mostra. All’inizio le mandavamo gratuitamente, ma poi iniziammo a vendere le copertine. Mi sembra che le vendevamo per un dollaro. Così iniziò a diffondersi il collezionismo delle copertine.”

 

eumir deodato
Eumir Deodato “Also Sprach Zarathustra”
hubert laws

 

” Creed aveva gusti molto dispendiosi. La sua filosofia era che bisognava spendere tutto ciò che fosse necessario per avere un la loro ben fatto. Per questa ragione tutte le copertine dei suoi album erano pieghevoli e perfettamente stampate, con una migliore qualità che nella maggior parte delle case discografiche.”

 

randy Weston Blue Moses
Randy Weston “Blue Moses”

 

Alla domanda “Qual è il futuro del Jazz”, Thelonious Monk rispose: “Sta andando in ogni luogo, sempre, e non si ferma mai”.